La cucina tipica toscana

la-cucina-tipica-toscana

“Tu proverai sì come sa di sale lo pane altrui” dice Dante nel XVII Canto del Paradiso riferendosi al suo periodo di esilio in cui egli stesso poté assaggiare quel pane dal sapore così diverso da quello a cui era abituato nella sua Firenze. Ancora oggi il pane toscano rappresenta un unicum nel panorama nazionale dove è difficile trovare del pane del tutto privo di sale come nei panifici toscani.

Nella regione del Sommo Poeta, invece, il pane senza sale rappresenta una vera e propria caratteristica. Tradizione vuole che tale usanza derivi dal XII secolo quando, nel bel mezzo di una delle tante lotte che videro contrapporsi pisani e fiorentini, i primi decisero di interrompere i rifornimenti di sale verso i secondi che si adeguarono di buon grado traendone una peculiarità capace di resistere fino ai giorni nostri.

Il pane è un elemento centrale della cucina toscana che evita in ogni modo di sprecarlo e, a tale fine, lo utilizza anche quando esso non è più fresco: è così che hanno avuto origine le note ricette della panzanella e della ribollita. E’ sempre il pane, poi, ad accompagnare le altre pietanze tipiche della cucina toscana a base di selvaggina o di carne bianca senza dimenticare il maiale. Questo animale viene di norma macellato a inizio dicembre per ottenerne una scorta di carne la quale, in parte conservata sotto sale e spezie dà forma ai salumi tipici della tavola toscana.

Il pane accompagna anche i formaggi tra i quali spicca il pecorino di Pienza. Numerose le aziende locali attive nel settore dell’agroalimentare che puntano su prodotti di alta qualità destinati ad essere esportati anche fuori dall’Italia, obiettivo reso oggi sicuramente più semplice dalla rapida ascesa dagli e-commerce nel settore del food and beverage.

Così tra i prodotti tipici della Toscana più cliccati su internet c’è la pasta Martelli, pastificio di Pisa attivo dal 1926, oppure le marmellate dei fratelli Chiaverini i quali hanno cominciato a produrre conserve nella Firenze del 1928. Rivolti a mercati davvero esclusivi sono, poi, le cioccolate della Stainer o la pasta della Caponi che fin dal 1953 produce una pasta all’uovo che unisce l’attenzione per l’artigianalità alla cura del design delle confezioni in perfetto stile made in italy.

Per restare in tema di prodotti acquistabili online, poi, non male l’idea di accompagnare un piatto di pasta ai vini intramontabili della tradizione toscana. Brunello di Montalcino e Chianti rimangono due nomi su tutti: pronti ad arrivare sulle nostre tavole, con un clic, direttamente dalle colline toscane.

AGGIUNGI UN COMMENTO